Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni
Tu sei qui: Home Il Cittadino Domande ricorrenti
martedì 24 ottobre 2017

Domande ricorrenti

Domande Ricorrenti

selezione ed aggiornamento a cura dell'URP - Relazioni con il Pubblico

Per ulteriori informazione consultare anche la sezione "Schede informative"

Indice delle domande:

1. Quando si può accendere il riscaldamento e per quante ore al giorno?

2. Si possono ottenere dei contributi per l'affitto?

3. Come posso fare il servizio civile?

4. Come si smaltiscono i rifiuti ingombranti?

5. Come si ottiene e quanto dura il permesso di parcheggio per i portatori di handicap?

6. Come posso avere l'esenzione ticket?

7. Come si fa a costituire un'associazione?

8. Il Comune di Chivasso eroga contributi alle associazioni?

9. A chi mi devo rivolgere per pubblicità e affissioni?

10. Ci sono delle agevolazioni per l'utilizzo del trasporto pubblico da parte degli invalidi? Come si possono ottenere?

11. Dove posso fare una visura catastale?

12. Dove posso trovare i sacchetti per la raccolta della plastica?

13. Sono appena venuto ad abitare nel Comune di Chivasso, come faccio ad avere i bidoni dei rifiuti?

14. A chi bisogna rivolgersi per richiedere il risarcimento dei danni dovuti a incidenti relativi a dissesti stradali?

15. Ho un'auto a benzina, vorrei trasformarla a GPL o METANO. Esistono degli incentivi?

16. Vorrei iniziare un'attivita autonoma, cosa devo fare?

17. Sto cercando lavoro. Dove posso trovare informazioni utili?

18. Dove posso trovare gli orari del trasporto pubblico?

19. Non sono passati stamattina a ritirare i rifiuti, cosa devo fare?

20. In riferimento alla Tassa rifiuti quando è necessario recarsi presso lo sportello Consorzio di Bacino 16?

21. Come posso richiedere l'assegnazione di un alloggio popolare?

22. Mi sono appena diplomato (o laureato ) che cosa devo fare per essere assunto in Comune?

23. Devo iscrivere mio figlio all'asilo nido, dove devo andare?

24. Quando viene fatta scorrere l'acqua nella Roggia Campagna e nella Roggia San Marco?

25. Come ottenere l'esenzione dal pagamento della quota fissa sui farmaci di fascia A (quelli a carico del Servizio nazionale)?

26. Come funzionano i parcheggi a pagamento e dove si fanno gli abbonamenti?

27. Per la raccolta dei funghi servono autorizzazioni?

28. Come ci si può registrare al servizio WiFi "WiChivasso"?

29. Voglio navigare in internet, posso rivolgermi in Comune?

30. Desidero fissare un appuntamento con il Sindaco o un Assessore, cosa devo fare?

31. Emissione fumi Centrale Edipower

 

1. Quando si può accendere il riscaldamento e per quante ore al giorno?

Il Comune di Chivasso rientra nella zona E stabilita dal D.P.R. 74/2013; è quindi possibile accendere gli impianti di riscaldamento dal 15 ottobre al 15 aprile, per un massimo di 14 ore giornaliere.
Al di fuori di tali periodi gli impianti termici possono essere attivati solo in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l'esercizio e comunque con una durata giornaliera non superiore alla metà di quella consentita a pieno regime, ovvero per Chivasso 7 ore. Le condizioni climatiche sono valutate dal responsabile dell'impianto in relazione alle temperature rilevate all'interno dell'immobile, correlate al tipo di attività svolta e secondo quanto definito dalla normativa vigente (20 gradi max + 2 gradi per il residenziale e 18 gradi max + 2 gradi per l'industriale/artigianale)
È consentito il frazionamento dell'orario giornaliero di riscaldamento in due o più sezioni.
Per procedere alla proroga della durata delle ore di accensione (quindi più di 14 ore nel periodo 15 ottobre - 15 aprile e più di 7 ore nei restanti mesi) è necessaria una ordinanza sindacale.
La durata di attivazione degli impianti deve essere comunque compresa tra le ore 5 e le ore 23 di ciascun giorno.

2. Si possono ottenere dei contributi per l'affitto?

I contributi regionali alla locazione sono destinati a tutti coloro che, in possesso di determinati requisiti, necessitano di un contributo per il pagamento del canone di affitto dell'alloggio e che siano in possesso di un contratto di locazione regolarmente registrato.
Per accedere ai contributi è necessario compilare l'apposito modulo allegato al bando.
Il bando viene pubblicizzato sui giornali locali e nelle bacheche cittadine.
Per informazioni, è possibile rivolgersi all'ufficio
Politiche Sociali - Palazzo Comunale 1° piano - nei seguenti orari:
lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00
martedì - giovedì dalle 15.00 alle 17.00
Telefono: 011-9115481/3

3 - Come posso fare il servizio civile?

I progetti di servizio civile, presentati da enti pubblici e da enti privati no profit, possono aver luogo sia in Italia che all'estero, garantiscono la formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani e consistono in attività relative ai seguenti settori:
assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all'estero.

I bandi vengono pubblicati sul sito www.serviziocivile.it nella sezione "Bando" e pubblicizzati tramite i principali mass media.
L'elenco integrale dei progetti si trova nell' "allegato 1" di ogni bando.

Possono partecipare alla selezione i giovani e le giovani che alla data di scadenza dei bandi:

  • abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni);
  • siano in possesso della cittadinanza italiana;
  • godano dei diritti civili e politici;
  • non siano stati condannati con sentenza di primo grado per delitti non colposi commessi mediante violenza contro persone o per delitti riguardanti l'appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata;
  • siano in possesso di idoneità fisica, certificata dagli organi del servizio sanitario nazionale, con riferimento allo specifico settore d'impiego per cui intendono concorrere.

Potranno essere richiesti, da parte degli enti, ulteriori specifici requisiti connessi all'attuazione dei singoli progetti.
Per ogni bando di Servizio Civile Nazionale si può presentare domanda per un solo progetto tra quelli indicati, a pena di esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti.
La durata del servizio è di 12 mesi.
Ai volontari spetta un rimborso mensili, nonché il vitto e l'alloggio se previsti nel progetto approvato dall'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile.
Ai volontari è garantita la copertura assicurativa.
I periodi di Servizio Civile Nazionale sono riscattabili, in tutto o in parte, su domanda del volontario e su contribuzione individuale da versare in un'unica soluzione o in 120 rate mensili senza l' applicazione degli interessio di rateizzazione.
Per informazioni generali, è possibile visitare il sito www.serviziocivile.it

4 - Come si smaltiscono i rifiuti ingombranti?

Presso l'ecocentro di via Nazzaro (area Chind vedi mappa) i residenti, possono conferire i materiali ingombranti che non possono essere conferiti normalmente con il normale sistema "Porta a Porta". L'accertazione dell'effettiva residenza verrà effettuata mediante esibizione di un documento d'identità valido che verrà registrato dagli addetti all'Ecocentro. (orari ecocentro)

E' possibile il conferimento gratuito di ingombranti di modeste quantità a domicilio previa chiamata al n. verde 800 401 692

Vi verrà richiesto nome e cognome indirizzo e numero di telefono, verrete ricontattati da un operatore della SETA che vi comunicherà il giorno nel quale verrà effettuato il prelievo, in modo che la raccolta venga fatta nella stessa giornata ed evitando che la permanenza dei rifiuti nelle strade renda indecorosa la nostra città.

E' inoltre attiva la piattaforma per il conferimento gratuito di rifiuti inerti, in Località ex-Fornace vedi mappa per conferire piccole quantità di materiale derivante da lavori di manutenzione edilizia realizzati da privati residenti in Chivasso o da piccole imprese edili del territorio (macerie, cemento, mattoni, mattonelle, inerti vari, ceramiche, miscugli di cemento; i rifiuti inerti conferiti dovranno essere scevri da impurità quali ad esempio oli vernici, plastica, cavi, stracci, batterie e simili)
Sarà possibile conferire un massimo per un quantitativo massimo annuo di 9 m3 pro-capite.

La piattaforma è aperta al pubblico nei seguenti giorni ed orari: martedì e sabato dalle 8,00 alla 12,00 e giovedì dalle 13,00 alle 17,00

Per accedere al conferimento, gli utenti dovranno presentare un documento attestante la residenza o sede in Chivasso, la targa del veicolo, il quantitativo stimato dei rifiuti conferiti e la loro provenienza. Tali dati saranno trascritti su un apposto registro riepilogativo delle schede di scarico e nel formulario dei rifiuti, nel rispetto della normativa vigente in materia di gestione dei rifiuti.

Vi ricordiamo che abbandonare rifiuti fuori dai cassonetti è un reato perseguibile ai sensi di legge.

5 - Come si ottiene e quanto dura il permesso di parcheggio per i portatori di handicap?
Decreto Presidente della Repubblica 30.7.2012 n. 151 - conforme al modello dell'Unione europea, previsto dalla raccomandazione n. 98/376/CE del Consiglio dell'Unione europea del 4 giugno 1998.

Il permesso di parcheggio è destinato alle persone con ridotta capacità motoria.
Gli interessati devono presentare la domanda rivolta al Sindaco unitamente alla certificazione medica rilasciata dall'Ufficio medicina-legale dell'A.S.L. d'appartenenza dalla quale risulti che nella visita medica è stato espressamente accertato che la persona per la quale è richiesta l'autorizzazione ha ridotte capacità di deambulazione, o possono presentare copia conforme del verbale delle commissioni mediche integrate di cui all'articolo 20, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, che deve riportare espressamente anche l'esistenza dei requisiti sanitari necessari per la richiesta di rilascio del contrassegno invalidi di cui al comma 2 dell'articolo 381 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modificazioni secondo quanto stabilito dal Decreto Legge 9/2/2012 n. 5- Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo.
La domanda deve essere presentata alla Polizia Municipale presso il Palazzo Comunale - Via Siccardi, 4 - nei seguenti orari:

Lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 12 - Martedì dalle ore 9 alle ore 11 e dalle ore 14 alle 17 - Giovedì dalle ore 14 alle 17

Telefono: 011-9101620 oppure 011-9115353 - Fax: 011-9115360

Il permesso ha una validità di 5 anni per i certificati rilasciati a tempo indeterminato dall'ASL o con la scadenza indicata dalcertificato stesso, ed il rinnovo avviene mediante la presentazione, di certificato del medico curante che confermi il persistere delle condizioni sanitarie che hanno dato luogo al rilascio dell'autorizzazione.

I contrassegni invalidi devono essere obbligatoriamente sostituiti con il nuovo "contrassegno di parcheggio per disabili" entro il 15 settembre 2015:
dopo tale data, i vecchi contrassegni non avranno più alcuna validità.

per approfondire consulta la scheda "Contrassegno per disabili"

6 - Come posso avere l'esenzione ticket?

Per usufruire della esenzione dal pagamento del ticket sui farmaci, sulle prestazioni di diagnostica strumentale e visite specialistiche, i soggetti richiedenti dovranno avere un indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) pari o inferiore a Euro 5180,00.

Il rilascio dei tesserini, che darà titolo alla esenzione dal ticket regionale sui farmaci e/o dalla partecipazione alla spesa sanitaria per la diagnostica strumentale, le analisi di laboratorio e le prestazioni specialistiche, avverrà presso l'Ufficio Politiche Sociali (Palazzo Comunale, 1° piano), nei seguenti orari:
Lunedì - mercoledì - venerdì dalle 9 alle 12 Martedì e giovedì dalle 14 alle 17
Telefono: 011-9115481

Per maggiori informazioni, è possibile visitare la scheda dedicata all'Esenzione Ticket nella sezione Il Cittadino

7 - Come si fa a costituire un'associazione?

"Il circolo e/o l'associazione è una libera associazione che nasce per volontà di un gruppo di cittadini che si uniscono per il perseguimento di uno scopo ideale, in ogni caso senza scopo di lucro": giuridicamente si tratta di una "associazione non riconosciuta" regolata dagli accordi liberamente presi dagli associati e della loro volontà di operare in modo organizzato e stabile.

Associazioni riconosciute sono quelle che hanno chiesto e ottenuto il riconoscimento dello Stato.
Le prerogative principali che l'associazione acquista col riconoscimento sono tre: la prima consiste nella cosiddetta autonomia patrimoniale, in base alla quale il patrimonio dell'associazione si presenta distinto e autonomo rispetto a quello degli associati e degli amministratori, la seconda si può ritrovare nella concessione di una limitazione di responsabilità degli amministratori per le obbligazioni assunte per conto dell'associazione, la terza infine consiste nella possibilità per l'associazione di accettare eredità, legati e donazioni e di acquistare beni immobili.
Le associazioni non riconosciute non possono godere di tali prerogative.

Il primo passo per fondare un'associazione è redigere un Atto Costitutivo. Questo tipo di contratto è valido anche se fatto tramite scrittura privata o oralmente. Contemporaneamente all'Atto Costitutivo, i primi associati stabiliscono regole e scopi precisi: regole e scopi, concordati fra i soci, vengono scritte in un patto associativo, lo Statuto della nuova associazione.

Non è indispensabile ricorrere ad un notaio per redigere Atto costituivo e Statuto; è opportuno, però, registrarli presso l'Ufficio del Registro Atti Privati competente per territorio rispetto alla sede legale scelta per l'Associazione. La registrazione è indispensabile per stabilire una volta per tutte la data di nascita certa e lo scopo dell'organismo appena nato. Purtroppo comporta anche un costo, sia pur modesto: c'è infatti un'imposta da pagare.

L'associazione si compone obbligatoriamente di tre organi: l'Assemblea, il Consiglio Direttivo e il Presidente.
L'Assemblea è formata da tutti gli associati, ed è l'organo diretto a formare la volontà del gruppo. Al Consiglio Direttivo spetta la competenza ad amministrare e dare esecuzione alle delibere assembleari.

La storia dell'associazione è raccolta nel libro dei verbali, che deve contenere il succo delle decisioni che il Consiglio Direttivo o l'Assemblea dei Soci prendono per conto dell'associazione quando si riuniscono: obiettivi, proposte, scelte circa l'utilizzo dei fondi dell'associazione, debbono essere discussi e votati secondo quanto prevede lo statuto e poi trascritti sul libro verbali; i verbali debbono essere letti e approvati dai presenti.

Il Libro dei Soci deve contenere l'elenco aggiornato dei soci con i dati di ciascuno di essi.

Il Libro Cassa, infine, deve riportare le entrate e le uscite. La tenuta di questo libro è un mezzo per avere sotto controllo la situazione economica e per poter presentare agli associati il risultato della gestione dell'anno associativo (rendiconto economico).

Per maggiori informazioni, disciplina normativa, esempi di statuto ed atto costitutivo, potete visitare il sito www.noprofit.org alla sezione "Associazioni".

8 - Il Comune di Chivasso eroga contributi alle associazioni?

Il Comune di Chivasso, in ottemperanza all'Art. 12 della legge 97/08/1990 n. 241 e ss. mm. e i.con il regolamento "Istituzione Albo associazioni e concessione contributi" approvato con Delibera C.C. n. 54 del 28/11/2013 Delibera G.M. n. 223 del 5/12/13 ha stabilito i criteri per l’iscrizione all'Albo delle associazioni e degli organismi di partecipazione costituiti in forma associativa del territorio comunale, stabilendo inoltre anche i criteri per la concessione e la liquidazione di contributi e del patrocinio nella categoria/settori della cultura, del turismo, del folclore, dello sport, nonché nella categoria/settori sociale, famiglia, gioventù, pari opportunità, servizi educativi, protezione civile ed associazionismo d’arma, commercio, artigianato, agricoltura, fiere e ambiente e della documentazione richiesta ai medesimi fini,si rimanda al seguente link per tutte le indicazioni al testo integrale del Regolamento

Per informazioni, è possibile rivolgersi ai seguenti uffici:
Ufficio Cultura e Sport - Telefono: 011-9115456
Ufficio Politiche Sociali - Telefono: 011-9115480
Ufficio Ambiente - Telefono: 011-9115405-9
Ufficio Staff del Sindaco: Telefono: 011-9116216-230

9 - A chi mi devo rivolgere per pubblicità ed affissioni?

Per affissioni e timbratura locandine occorre recarsi presso la Maggioli Tributi S.p.A., via Brozola 10, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30.

Telefono: 011-9171132 / 9136448 - Fax: 011-9106493

10 - Ci sono delle agevolazioni per l'utilizzo del trasporto pubblico da parte degli invalidi? Come si possono ottenere?

La tessera di libera circolazione è un documento di viaggio regionale che permette a particolari categorie di utenti, ed in alcuni casi all'eventuale accompagnatore, di viaggiare gratuitamente sulle linee urbane ed extraurbane finanziate dalla Regione Piemonte con Legge Regionale 4 gennaio 2000 numero 1.
Dal 1° novembre 2001, la tessera di libera circolazione è valida anche per viaggiare in treno. La tessera, consente al suo possessore e all'eventuale accompagnatore di viaggiare su tutti i treni regionali e diretti aventi origine e destinazione in città piemontesi. Inoltre, può essere utilizzata sui treni interregionali di competenza della Regione Piemonte con Origine o Destinazione esterna alla Regione Piemonte come meglio dettagliato nell'elenco disponibile sul sito della Città Metropolitana http://www.cittametropolitana.torino.it/trasporti/disabili/dove_chi.shtml
Hanno diritto al rilascio della tessera di libera circolazione i residenti nella Regione Piemonte che rientrino in una delle seguenti categorie:

  • ciechi assoluti e ciechi ventesimisti (la gratuità del viaggio è consentita all'eventuale accompagnatore);
  • sordomuti;
  • "grandi invalidi" (invalidi: di guerra, civili di guerra e per servizio), appartenenti alle categorie dalla prima alla quarta; viene rilascia una tessera che permette la gratuita' del viaggio all'eventuale accompagnatore a coloro che appartengono alla prima categoria con una super invalidità;
  • disabili (invalidi civili e del lavoro) con una percentuale di invalidità superiore al 67% (nei casi di invalidita' al 100% la gratuita' del viaggio e' consentita anche all'eventuale accompagnatore);
  • i minori invalidi (la gratuità del viaggio è consentita anche all'eventuale accompagnatore);
  • ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti nello svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età (articolo 6 del D.Lgs. 509/1988) .

11 - Dove posso fare una visura catastale?

Le visure catastali sono atti di competenza dell'Agenzia del Territorio, Via Guicciardini 11 Torino.
La consultazione on line sul sito dell'Agenzia del Territorio - www.agenziaterritorio.it, dà la possibilità di conoscere:

  • i dati sulla rendita e informazioni su immobili censiti al Catasto fabbricati
  • i dati sui redditi domenicale e agrario e informazioni su immobili censiti al Catasto terreni.

E' sufficiente indicare nei campi di ricerca del modulo: il proprio codice fiscale, gli identificativi catastali (Comune, sezione, foglio, particella) e la provincia di ubicazione di un qualsiasi immobile.

E' anche possibile rivolgersi all'Ufficio Tributi - Palazzo Comunale 1° Piano e richiedere dati catastali. L'Ufficio però fornirà solo i dati, ma non documenti ufficiali, in quanto non è autorizzato a rilasciarli.
L'orario dell'Ufficio Tributi è il seguente:
lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00 martedì e giovedì dalle 14.00 alle 17.00
Telefono 011 9115254 - 244 - 255 -243

12 - Dove posso trovare i sacchetti per la plastica?

Nel Capoluogo e nelle frazioni dove vige il servizio di raccolta Porta a Porta è obbligatorio l'utilizzo dei sacchetti per la plastica, forniti dalla Seta, identificabile dal logo aziendale.
I sacchetti sono distribuiti presso:

  • l'Ecocentro - Via Nazzaro (zona CHIND) (scheda ecocentro)
  • l'Ufficio Relazioni con il Pubblico - Palazzo Comunale - 1° Piano - nei seguenti orari:lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00 martedì e giovedì dalle 14.00 alle 17.00

Telefono 011 9115220

13 - Sono appena venuto ad abitare nel Comune di Chivasso, come faccio ad avere i bidoni dei rifiuti?

Le nuove utenze che necessitino del kit di raccolta porta a porta devono chiamare il numero verde 800 401 692 e farne richiesta , lasciare i propri dati e attendere di essere contattati dalla persona incaricata alla distribuzione dei cassonetti e bidoni.

14 - A chi bisogna rivolgersi per richiedere il risarcimento dei danni dovuti a incidenti relativi a dissesti stradali ?

Le richieste di risarcimento sono di competenza dell'Ufficio Segreteria del Comune e devono essere consegnate all'Ufficio Protocollo - Palazzo Comunale -1° Piano.
Le richieste di risarcimento vanno redatte preferibilmente utilizzando il modulo predisposto, che contiene tutti gli elementi essenziali per poter avviare correttamente la pratica.
La descrizione del sinistro deve essere il più possibile precisa e circostanziata. E' preferibile fornire le fotografie del sinistro e del luogo in cui è accaduto

Per informazioni, è possibile rivolgersi all'Ufficio Segreteria - Palazzo Comunale 1° piano - nei seguenti orari:
lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00 martedì e giovedì dalle 14.00 alle 17.00
Tel. 011 9115217 / 218

15 - Ho un auto a benzina, vorrei trasformarla a GPL o Metano. Esistono incentivi?

Sul sito del consorzio ECOGAS è possibile trovare le informazioni sugli incentivi alla trasformazione della propria auto a GPL o METANO, numero verde 800500501;

16 - Vorrei iniziare un'attività autonoma, cosa devo fare?

Se una persona desidera aprire un'azienda, un'attività commerciale, o ha un'idea per un'iniziativa imprenditoriale all'interno del territorio provinciale, può usufruire del servizio MIP - Mettersi in Proprio - che la Provincia di Torino offre come supporto alla creazione di nuove imprese.
E' sufficiente contattare il numero verde 800146 766 per avere informazioni sul lavoro in proprio e fissare un appuntamento con un consulente presso lo Sportello di accoglienza di Chivasso, sito a Palazzo Einaudi.
Il tutor ti aiuterà ad analizzare i diversi elementi che definiscono un'impresa, a valutare la fattibilità del tuo progetto, e se ne esistono i presupposti il business plan.
Per ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito www.mettersinproprio.it.

17 - Sto cercando lavoro. Dove posso trovare informazioni utili?

Il principale punto di riferimento è il Centro per l'Impiego, che si trova in Piazza d'Armi n. 6 .
Andando al Centro per l'Impiego puoi trovare pubblicate le diverse offerte di lavoro, offrire la tua immediata disponibilità al lavoro e inserire la tua candidatura all'interno di una banca dati.
Altro punto di riferimento sono le Agenzie Interinali
Presso l' UrpGiovani - Palazzo Comunale 1 ° piano puoi trovare le offerte di lavoro che provengono all'Ufficio tramite e.mail , da diverse Agenzie Interinali del territorio, e un operatore ti proporrà, se non hai molta dimestichezza con la rete, una serie di siti utili per la ricerca di un lavoro.
Inoltre sia al Centro per l'Impiego che all'Urpgiovani puoi trovare la rivista InformaLavoro pubblicata ogni 15 giorni da Comune di Torino (esce il mercoledì ogni due settimane) , che dà indicazioni utili su offerte di lavoro (offerte di lavoro provenienti dai Centri per l'Impiego della Provincia, offerte Eures e offerte di Agenzie interinali), concorsi , borse di studio, stage e altre opportunità nel territorio.

18 - Dove posso trovare gli orari del trasporto pubblico?

Sul nostro sito è possibile ciccando sulla sezione Trasporti avere l'orario completo del trasporto pubblico locale (Linea urbana, Linea Mercatale, Linea Alberghiera, Linea Blu, Linea Azzurra, Scuolabus, Mebus. Provibus) e accedere ai siti del Gruppo GTT (relativo al servizio urbano e suburbano della Città di Torino, InfoTPL (Trasporto Pubblico nella Regione Piemonte) e Orari Trasporti ( per tratte e linee autobus del trasporto pubblico provinciale).

19 - Non sono passati stamattina a ritirare i rifiuti, cosa devo fare?

Se la raccolta dei rifiuti non viene svolta regolarmente l'utente dovrà segnalare la disfunzione al numero verde 800 401 692.
L'azienda provvederà a verificare il motivo di tale anomalia e disporrà il recupero del materiale.

20 - In riferimento alla Tassa Rifiuti quando è necessario recarsi presso lo sportello Consorzio di Bacino 16 ?

E' necessario che i residenti nel Comune di Chivasso, in cui è in vigore la Tari, provvedano a recarsi presso lo sportello Consorzio di Bacino 16 per comunicare:

  • Attivazione , cessazione o variazione di residenza
  • Variazione dei componenti il nucleo familiare
  • Variazione metratura dell'immobile
  • Attivazione o cessazione attività.

Per maggiori informazioni, rivolgersi allo
Sportello Consorzio di Bacino 16 - Via Cairoli 4
lunedì dalle 9 alle 12 e dalle 14.30 alle 17
mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12
giovedì dalle 14.30 alle 17
martedì chiuso

21 - Come posso richiedere l'assegnazione di un alloggio popolare?

Per ottenere l'assegnazione di un alloggio ERP (edilizia residenziale pubblica) comunemente detta casa popolare è necessario partecipare all'apposito bando che viene emesso dal Comune - Ufficio Politiche Sociali. Il bando viene pubblicizzato sui giornali locali e nelle bacheche cittadine.
In caso di situazioni di emergenza abitativa, ossia in presenza di particolari condizioni: procedure esecutive di sfratto, procedura esecutiva immobiliare, ordinanza di sgombero ecc, si può contattare l'Ufficio Politiche Sociali nei seguenti orari:
lunedì - mercoledì -venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 martedì - giovedì dalle ore 14.00 alle ore 17.00
Telefono: 011-9115480 /453

22 - Mi sono appena diplomato (o laureato ) che cosa devo fare per essere assunto in Comune?

Si può essere assunti in Comune solo partecipando ad un concorso pubblico, nel caso in cui vi sia la necessità di procedere alla copertura di posti.
E' necessario tenersi informati consultando il nostro sito , alla sezione Concorsi . E anche possibile iscriversi alla Newsletter per ricevere tutte le comunicazioni relative alla pubblicazione di concorsi direttamente nella tua casella di posta elettronica.

23 - Devo iscrivere mio figlio all'asilo nido, dove devo andare?

L'asilo nido comunale "L'Aquilone" ha sede in Via Nino Costa.
Per essere ammessi è necessario presentare domanda di iscrizione presso l'Ufficio Politiche Sociali del Comune utilizzando l'apposito modulo.
La quota di iscrizione è pari a 26 euro. Per la retta (che dipende dalla dichiarazione ISEE) è necessario consultare la pagina Tariffe Asilo Nido e servizi connessi (per i non residenti che utilizzano il servizio si applica la retta massima vigente , indipendentemente dal reddito).

Per informazioni, è possibile rivolgersi all'Ufficio Politiche Sociali 1° piano - nei seguenti orari:lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00 martedì dalle 14.00 alle 17.00
Tel. 011 9115480 /011 9115453

24 - Quando viene fatta scorrere l'acqua nella Roggia Campagna e nella Roggia San Marco?

Nel territorio chivassese la rete idrografica è costituita da una fitta rete di canali e rii che apportano i fabbisogni irrigui per l'agricoltura.
Le principali rogge sono:

  • Roggia San Marco - canale artificiale irriguo che percorre il territorio comunale con andamento ovest/est;
  • Roggia Campagna - canale artificiale irriguo che percorre il territorio comunale con andamento nordovest/sudest.

L'attività di bonifica (nel suo significato più ampio, che non è quello di prosciugamento delle paludi bensì si concretizza soprattutto in azioni di difesa e conservazione del suolo: regimazione delle acque e pulizia dei corsi d'acqua) e l'attività di irrigazione, sono in sintonia con quanto previsto dalla Legge 215/1933 (Regio Decreto) e successive, fino alla recente Legge Regionale del Piemonte n. 21 del 9 agosto 1999.
La legge Regionale n. 21 portante "Norme in materia di bonifica e irrigazione" dispone che la Regione riconosca nell'attività di bonifica e d'ìrrigazione il ruolo di tutela delle produzioni agricole con particolare riguardo alla regolazione delle acque e alla salvaguardia dell'ambiente e delle risorse naturali (Art. 1) .
La Regione Piemonte ha individuato nei "Consorzi d'Irrigazione" l'organismo più idoneo allo svolgimento delle sopraddette attività.
Considerato che a Chivasso una delegazione di agricoltori ha costituito all'inizio del 2011 il "Consorzio Irriguo della Roggia Campagna e della Roggia San Marco" al fine di provvedere alla corretta gestione della rete irrigua, il Comune, in assonanza a quanto disposto dalla Normativa Regionale ha deliberato con "Verbale di deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del 29.04.2011" di approvare il passaggio delle competenze inerenti la gestione e la manutenzione del reticolo idrografico al soprannominato Consorzio.
Per quanto riguarda il prelievo dell'acqua a scopi irrigui (prelievo di acqua pubblica in torrente Orco), la stessa è disciplinata dalla Provincia di Torino - Gestione Risorse Idriche (D.P.G.R. 29.07.203 n. 10/R e n. 438-26894 del 20.07.2011) ed è concessa nel periodo tra Maggio e Settembre (periodo di irrigazione delle colture principali).

25 - Come ottenere l'esenzione dal pagamento della quota fissa sui farmaci in fascia A (quelli a carico del Servizio Nazionale) ?

In Piemonte, per usufruire dell’esenzione per reddito dal pagamento del ticket sulle visite specialistiche e sugli esami diagnostici, non è necessario autocertificare di volta in volta il possesso dei requisiti, ma, secondo quanto previsto da un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il codice di esenzione è riportato sull'impegnativa direttamente dal medico che prescrive la prestazione.
Il riconoscimento del diritto all’esenzione è rilevato attraverso la presenza del nominativo in un elenco fornito dall’Agenzia delle entrate alla Regione, alle Asl e ai medici di famiglia e aggiornato il 1° aprile di ogni anno. Consulta il sito dell'ASLTO4 al seguente link http://www.aslto4.piemonte.it/esenzioni/visite.asp

Presso l'ufficio Politiche sociali del Comune è possibile richiedere il rilascio del tesserino di esenzione dal ticket per determinate categorie di cittadini che, escluse dall’esenzione diretta da parte del S.S.N., posseggono un basso reddito leggi tutto

26 - Come funzionano i parcheggi a pagamento e dove si fanno gli abbonamenti?

La sosta può essere pagata tramite:

  • parcometro, con monete o schede prepagate;
  • voucher (gratta e sosta);
  • abbonamento.
  • Neos park

I voucher sono in vendita in tutti gli esercizi commerciali che espongono il marchio

Gli abbonamenti collegati a quello ferroviario (P.le Ceresa, Movicentro) sono in vendita presso l'edicola Regis all'interno della stazione ferroviaria di Chivasso, gli altri sono in vendita presso la Maggioli Tributi di via Brozola 10.
Il Neos Park è un parcometro da veicolo grazie al quale si paga solo l'effettivo tempo di sosta. Si può acquistare e ricaricare presso uno dei punti autorizzati ed è utilizzabile in tutte le città d'Italia convenzionate. Per informazioni più dettagliate, è possibile consultare il sito: www.neospark.eu

Ulteriori notizie possono essere reperite sul sito del Comune di Chivasso alla sezione: Parcheggi

27 - Per la raccolta dei funghi servono autorizzazioni?

La Legge regionale n. 24 del 17 dicembre 2007 e s.m.i. ha attribuito alla Città Metropolitana (già Provincia di Torino) la competenza sul rilascio delle seguenti autorizzazioni in materia di raccolta funghi epigei spontanei:

Autorizzazione alla raccolta funghi all'interno delle aree protette regionali in deroga ai quantitativi ordinari (comunque non superiore a 15 Kg giornalieri)
Autorizzazione alla raccolta funghi per fini scientifici
Autorizzazione alla costituzione di aree delimitate per la raccolta funghi (su tutto il territorio provinciale), in deroga ai quantitativi ordinari, a fini economici

Si ricorda inoltre che la normale attività di raccolta dei funghi epigei spontanei non è soggetta ad autorizzazione da parte di Città Metropolitana o Province ma è subordinata al pagamento di uno specifico contributo la cui ricevuta di versamento costituisce il "Titolo per la raccolta". Gli enti legittimati a introitare questo contributo sono le Unioni montane dei Comuni, le forme associative dei Comuni collinari e gli Enti Regionali di gestione delle Aree Protette.

Per le indicazioni si rimanda al regolamento pubblicato sul sito della Città Metropolitana di Torino al seguente link:
http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/fauna-flora-parchi/parchi-aree-protette/informazioni-utili/funghi

28 - Come ci si può registrare al servizio WiFi "WiChivasso"?

La registrazione avviene semplicemente ricercando, con il proprio cellulare/portatile, in una qualsiasi delle postazioni cittadine (Piazza della Repubblica - Piazza C.A. Dalla Chiesa - Piazza d'Armi nord - Parco Mauriziano - Piazza Assunta Castelrosso, Campus TAV - P.le Movicentro Biblioteca - V.le Cappuccini - Giardini di via Po - via Togliatti) le reti WiFi disponibili e quindi scegliere poi WiChivasso, a questo punto verrà richiesto di inserire mail e password (di norma la stessa della mail o una a piacere) a questo punto la registrazione è completata.
Queste saranno le credenziali che ogni volta che si connetterà a Wichivasso si dovrà inserire.
La connessione è gratuita per un massimo di 2 ore giornaliere. per approfondire

29 - Voglio navigare in internet, posso rivolgermi in Comune?
Il Comune di Chivasso ha istituito, per chiunque ne faccia richiesta, previa iscrizione, il servizio di postazioni pubbliche con accesso libero e gratuito ad internet presso la Biblioteca MoviMEnte p.le XII Maggio
Per accedere alle 16 postazioni gli utenti sono tenuti , dopo aver preso visione del regolamento, a compilare il modulo predisposto e sottoscriverlo, inoltre ad ogni utilizzo, dovranno firmare il registro di presenza.
Per i minori di 18 anni è richiesta la compilazione dell’apposito modulo predisposto da parte di un genitore o da chi ne fa le veci.
Le postazioni sono disponibile nell'orario di apertura della biblioteca:
Lunedì - martedì e giovedì dalle 9.00 alle 19.00
Mercoledì e sabato dalle 9.00-13.30
Venerdì dalle 13.30 alle 19.00

30 - Desidero fissare un appuntamento con il Sindaco o un Assessore, cosa devo fare?
Coloro che vogliono chiedere un appuntamento con il Sindaco o con un Assessore devono rivolgersi alla Segreteria degli Amministratori al 1° piano del palazzo comunale, oppure possono telefonare allo 011-9115230 per gli appuntamenti con il Sindaco o a 0119115217-218 per gli appuntamenti con gli assessori nei seguenti giorni ed orari:
lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12, martedì e giovedì dalle 1a alle 17.

31. Emissione fumi Centrale Edipower

Colorazione fumi di emissioni Centrale Edipower

Le emissioni della Centrale di Chivasso derivano dal processo di combustione del gas naturale di comune utilizzo (metano), che viene inviato ai combustibili della turbina a gas (TG) insieme ad aria aspirata dall'ambiente esterno, filtrata e opportunamente compressa.

Al camino sono scaricati fumi contenenti principalmente: anidride carbonica (CO2), vapore acqueo (H2O) oltre a azoto (N2) e ossigeno (O2) che non hanno partecipato alla combustione e che sono già presenti in atmosfera. Nei fumi sono inoltre contenuti modesti quantitativi di ossidi di azoto (NOX) e ossido di carbonio (CO) misurabili in milligrammi/mc, frutto del processo di combustione.

La colorazione dei fumi è tipica del processo e si verifica solo, per pochi minuti,  nelle fasi  transitorie di accensione delle turbine a gas a motivo della presenza nei fumi di modeste quantità di biossido di azoto (di colore bruno) che si forma a temperature di fiamma più alte (necessarie a garantire stabilità di fiamma nel transitorio di accensione) rispetto a quelle di regime (più basse); a temperature di regime, infatti, il biossido di azoto degenera prevalentemente in monossido di azoto (gas incolore). Va ricordato gli NOX totali sono calcolati sommando il monossido e il biossido di azoto: anche il monossido di azoto in atmosfera, nel tempo,  viene ossidato in biossido di azoto a causa principalmente della presenza in atmosfera di ozono (energico ossidante).

Sistema di Monitoraggio Emissioni (SME)

Ogni camino dispone di un Sistema di Monitoraggio Emissioni (SME) costituito da un insieme di strumenti dedicati alla misura automatica continua, alla registrazione ed archiviazione informatica dei dati relativi alle sostanze inquinanti emesse.

Con tale sistema sono sottoposte a rilevazione le concentrazioni nei fumi di ossidi di azoto (NOx in mg/Nm3), di monossido di carbonio (CO in mg/Nm3), di ossigeno (%O2 nei fumi) e di umidità (%H2O nei fumi). Sono inoltre misurate la temperatura e la portata dei fumi, e pertanto, il sistema è quindi in grado di calcolare i flussi di massa dei singoli inquinanti, nei periodi di funzionamento di ciascuna delle tre turbine a gas.

Le misure e i dati elaborati da SME, sono visualizzabili all'interno del sistema di supervisione e controllo della centrale: il personale Edipower presente 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno costantemente ne controlla i valori. Gli stessi dati sono resi disponibili in tempo reale, tramite collegamento remoto su web, all'Ente pubblico di controllo (ARPA Piemonte -  Dipartimento di Torino). I dati emessivi, sono, inoltre, visualizzati su un display luminoso situato all’ingresso dell’impianto e visibile al pubblico.

Oltre al sistema di controllo delle emissioni ai camini, esiste anche sul territorio un sistema, di misura della qualità dell’aria al suolo, che valuta l’effetto globale influenzato da tutte le sorgenti (la centrale, le altre emissioni industriali, gli impianti di riscaldamento, il traffico veicolare, ecc.).

Le postazioni di Chivasso e Castagneto Po, che fanno parte della Rete di Rilevamento Qualità dell'Aria (RRQA), sono in grado di rilevare le concentrazioni in atmosfera di NOX, NO2, SO2, O3, NMHC, CH4, PM10, PM2,5. Nella postazione di Castagneto Po, sono installati anche i sensori di temperatura, umidità, pressione, velocità e direzione del vento.

I dati, sono trasmessi automaticamente ed in continuo al Centro Sistemi Informativi (CSI) della Regione Piemonte,  periodicamente sono inoltre trasmessi al Comune di Chivasso, alla Regione Piemonte e all'Arpa.

Nell'ambito del progetto di trasformazione della Centrale in ciclo combinato ed in relazione alle precisazioni del DEC VIA 4907, è stato realizzato in accordo con Regione, Provincia e Comuni interessati e con il supporto tecnico dell'Arpa Piemonte, un modello matematico operante in continuo, che integra la rete di monitoraggio ambientale. Il sistema, gestito da Edipower in accordo con i sopraccitati Enti, e farà parte del Sistema Regionale per la Qualità dell'Aria (SRQA).

I dati relativi al monitoraggio ambientale sono disponibili al pubblico sul sito web http://www.centralechivasso.cesi.it”.

Il Capo Centrale
Elisabetta Garti

2016

logo Comune di Chivasso  CITTÀ DI CHIVASSO
P.za Gen.le C.A. Dalla Chiesa, 8 – 10034 Chivasso (TO)
Centralino 011 - 91151 - Fax 011 - 9112989
PEC: protocollo@pec.comune.chivasso.to.it
C.F. 82500150014 - P. IVA 01739830014
Copyright © - aut. Trib. di Torino n. 8 del 30.01.07- dir. resp.: Nino Ventura