Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni
Tu sei qui: Home Il Cittadino Servizi e Prodotti A Attestazione di soggiorno per cittadini comunitari Attestato di soggiorno permanente per cittadini comunitari
domenica 20 aprile 2014

Attestato di soggiorno permanente per cittadini comunitari

Documentazione necessaria per il rilascio dell'attestato di soggiorno permanente dei cittadini comunitari


L'attestato viene rilasciato ai cittadini comunitari dopo 5 anni di soggiorno regolare in Italia.
Le persone interessate devono presentare la documentazione sotto indicata:

  • Documento di identità;
  • Dimora abituale nel Comune;
  • Permesso/carta di soggiorno (o altro titolo) che "copra" tutti i 5 anni (nota bene: al fine del calcolo dei 5 anni di soggiorno si considera come data di decorrenza la data d'inizio di validità del titolo di soggiorno (permesso o carta di soggiorno) già posseduto dall'interessato, il quale è sufficiente a dimostrare la regolarità del soggiorno);
  • Autocertificazione sulla residenza in Italia negli ultimi 5 anni;


Deroghe
Sono previste deroghe a favore dei lavoratori che hanno cessato la loro attività e dei loro familiari.

  • Hanno infatti diritto al soggiorno permanente prima della maturazione dei 5 anni soggiorno:


1. il lavoratore subordinato o autonomo il quale, nel momento in cui cessa l'attività, ha raggiunto l'età prevista ai fini dell'acquisizione del diritto alla pensione di vecchiaia, o il lavoratore subordinato che cessa di svolgere un'attività subordinata a seguito di pensionamento anticipato, a condizione che abbia svolto nel territorio dello Stato la propria attività almeno negli ultimi dodici mesi e vi abbia soggiornato in via continuativa per oltre tre anni. Ove il lavoratore appartenga ad una categoria per la quale la legge non riconosce il diritto alla pensione di vecchiaia, la condizione relativa all'età è considerata soddisfatta quando l'interessato ha raggiunto l'età di 60 anni;
2. il lavoratore subordinato o autonomo che ha soggiornato in modo continuativo nello Stato per oltre due anni e cessa di esercitare l'attività professionale a causa di una sopravvenuta incapacità lavorativa permanente. Ove tale incapacità sia stata causata da un infortunio sul lavoro o da una malattia professionale che dà all'interessato diritto ad una prestazione interamente o parzialmente a carico di un'istituzione dello Stato, non si applica alcuna condizione relativa alla durata del soggiorno;
3. il lavoratore subordinato o autonomo che, dopo tre anni d'attività e di soggiorno continuativi nello Stato, eserciti un'attività subordinata o autonoma in un altro Stato membro, pur continuando a risiedere nel territorio dello Stato, permanendo le condizioni previste per l'iscrizione anagrafica.

  • Ai fini dell'acquisizione dei diritti previsti nel comma 1, lettere a) e b), i periodi di occupazione trascorsi dall'interessato nello Stato membro in cui esercita un'attività sono considerati periodi trascorsi nel territorio nazionale.
  • I periodi di iscrizione alle liste di mobilità o di disoccupazione involontaria, così come definiti dal decreto legislativo 19 dicembre 2002, n. 297, o i periodi di sospensione dell'attività indipendenti dalla volontà dell'interessato e l'assenza dal lavoro o la cessazione dell'attività per motivi di malattia o infortunio sono considerati periodi di occupazione ai fini dell'applicazione delle disposizioni di cui al comma 1.
  • La sussistenza delle condizioni relative alla durata del soggiorno e dell'attività di cui al comma 1,lettera a) e lettera b), non sono necessarie se il coniuge è cittadino italiano, ovvero ha perso la cittadinanza italiana a seguito del matrimonio con il lavoratore dipendente o autonomo.
  • I familiari, qualunque sia la loro cittadinanza, del lavoratore subordinato o autonomo, che soggiornano con quest'ultimo nel territorio dello Stato, godono del diritto di soggiorno permanente se il lavoratore stesso ha acquisito il diritto di soggiorno permanente in forza del comma 1.
  • Se il lavoratore subordinato o autonomo decede mentre era in attività senza aver ancora acquisito il diritto di soggiorno permanente a norma del comma 1, i familiari che hanno soggiornato con il lavoratore nel territorio acquisiscono il diritto di soggiorno permanente, qualora si verifica una delle seguenti condizioni:

 

  1. il lavoratore subordinato o autonomo, alla data del suo decesso, abbia soggiornato in via continuativa nel territorio nazionale per due anni;
  2. il decesso sia avvenuto in seguito ad un infortunio sul lavoro o ad una malattia professionale;
  3. il coniuge superstite abbia perso la cittadinanza italiana a seguito del matrimonio con il lavoratore dipendente o autonomo.

 

  • Se non rientrano nelle condizioni previste dal presente articolo, i familiari del cittadino dell'Unione di cui all'articolo 11, comma 2, e all'articolo 12, comma 2, che soddisfano le condizioni ivi previste, acquisiscono il diritto di soggiorno permanente dopo aver soggiornato legalmente e in via continuativa per cinque anni nello Stato membro ospitante.


Costo: n. 2 Marche da bollo da 14,62 euro + 0,52 euro di diritti di segreteria

Tutta la documentazione dovrà essere prodotta in originale. L'ufficio conserverà la sola copia e restituirà l'originale all'interessato



Pubblicato il 26 agosto 2008

 
logo Comune di Chivasso  CITTÀ DI CHIVASSO
P.za Gen.le C.A. Dalla Chiesa, 8 – 10034 Chivasso (TO)
Centralino 011 - 91151 - Fax 011 - 9112989
PEC: protocollo@pec.comune.chivasso.to.it
C.F. 82500150014 - P. IVA 01739830014
Copyright © - aut. Trib. di Torino n. 8 del 30.01.07- dir. resp.: Nino Ventura