Regione Piemonte

Sabato 19 e domenica 20 maggio la rievocazione dell'arrivo di Napoleone Bonaparte a Chivasso

Pubblicato il 14 maggio 2018 • Cultura

Un'occasione per rivivere un episodio unico nella storia della città
Il ritorno a Chivasso di Napoleone Bonaparte
Sabato 19 e domenica 20 maggio la rievocazione dell'arrivo del Primo Console di Francia

Un tuffo nel passato, un'occasione unica per riscoprire un pezzo di storia della città. Sabato 19 e domenica 20 maggio, le piazze e le vie del centro storico e il parco del Bricel, diventeranno lo scenario naturale dove si rivivrà l’arrivo in città del Primo Console di Francia e dell’avanguardia del generale Lannes, avvenuta il 28 maggio del 1800, importante antefatto della battaglia di Marengo che le truppe francesi avrebbero combattuto e vinto un paio di settimane più tardi.

Grazie a Pro Loco Chivasso l’Agricola, Magnifico Coro degli Abbà ed Ascom Chivasso, con la collaborazione del Comune di Chivasso, la città torna ad ospitare Napoleone Bonaparte e le sue truppe, con la seconda edizione della rievocazione storica dell'evento. Grazie all’organizzazione del 111° Reggimento di linea di Torino, oltre cento rievocatori di parte francese, austriaca e piemontese, animeranno le strade della città simulando scontri e manovre che permetteranno agli spettatori di rivivere per qualche attimo l’atmosfera di quel maggio di oltre duecento anni fa.

“Grazie alla collaborazione fra l’Amministrazione comunale, la Confraternita di San Sebastiano, Magnifico Coro degli Abbà, la Pro Loco L’Agricola e l’Ascom locale, Chivasso rivivrà questo importante episodio storico – spiegano il sindaco Claudio Castello e l'Assessore al Commercio, Pasquale Centin -. Sarà un’occasione unica per ammirare le fedeli riproduzioni delle uniformi e delle armi dell’epoca, nonché le magistrali evoluzioni delle truppe accompagnate dal roboante battito dei tamburi. Dalla memoria storica impariamo a progettare un futuro migliore e la rievocazione di tali eventi, oltre ad essere un’ottima occasione di svago, può risultare un interessante stimolo a ripercorrere la storia della città e quella del nostro territorio, dove sono ancora visibili le tracce di questo passato. Un’occasione da non perdere innanzitutto per il pregevole ed accogliente contesto urbanistico e architettonico che caratterizza il nostro centro storico, con i suoi monumenti ed i suoi portici oltre che per le prelibate specialità enogastronomiche, per i Nocciolini e per l’ospitalità che i chivassesi sapranno offrire. Vogliamo pertanto ringraziare gli organizzatori di questa rievocazione storica e porgere il nostro benvenuto a tutti coloro che vorranno onoraci della loro presenza”.

A partire dalle ore 11 di sabato 19 maggio, presso il parco del Bricel, sarà possibile visitare l’accampamento delle truppe ed ammirare la meticolosa ricostruzione filologica, non solo delle uniformi, ma anche delle armi e degli oggetti di uso quotidiano dei soldati. Nel pomeriggio, nello stesso parco, le truppe francesi ed austro-piemontesi daranno vita ad una battaglia con tanto di cannoni tonanti e di cariche di cavalleria, riproponendo le manovre e gli accorgimenti strategici dell’epoca. Alla sera, con inizio dalle ore 21 circa, dopo alcune scaramucce tra le opposte parti lungo le strade del centro storico, in Piazza della Repubblica arriverà Napoleone Bonaparte che riceverà dalla Milizia Cittadina a cavallo le chiavi della Città.

Nella mattinata di domenica 20 maggio, le truppe sfileranno per le strade del centro storico e nella Piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa la Milizia Cittadina chivassese verrà infine inglobata nell’esercito di Napoleone.

Da segnalare anche che gli esercizi commerciali chivassesi celebreranno l’evento con l’allestimento di vetrine a tema napoleonico e che venerdì 25 maggio, alle ore 21, presso il Teatrino Civico, la manifestazione si concluderà con uno spettacolo storico commemorativo a cura de l’Officina Culturale dal titolo: “Le combat de Chivasso. Chivasso e il periodo napoleonico. La nostra città al centro della Storia”, con ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.


Pubblicato il 14 maggio 2018
Servizio Informazine
67/2NV