Regione Piemonte

Svolte le celebrazioni del 4 novembre a Chivasso

Pubblicato il 5 novembre 2018 • Comune

Unità nazionale e Pace sono due importanti valori da condividere con gli altri Paesi

Celebrato il 4 Novembre in città e nelle frazioni

L'omaggio ai Caduti di tutte le guerre e il ringraziamento all'impegno delle Forze Armate

Si sono svolte nella mattinata di domenica 4 novembre, le celebrazioni per la Giornata dell'Unità Nazionale e per la festa delle Forze Armate.

L'omaggio ai Caduti del Sindaco Claudio Castello, dei rappresentanti dell'Amministrazione Comunale, dei rappresentanti delle Forze dell'Ordine, delle associazioni d'Arma e di volontariato, è iniziato in frazione Boschetto, con la posa della corona al Parco della Rimembranza. Successivamente il corteo si è spostato in frazione Castelrosso, per l'omaggio al Monumento ai Caduti, in piazza Assunta, e al Parco della Rimembranza.

Nel capoluogo le celebrazioni si sono aperte con la partecipazione alla Santa Messa in memoria dei Caduti, officiata nel Duomo Collegiata di Santa Maria Assunta dal parroco, Don Davide Smiderle. Al termine della funzione, il corteo ha raggiunto il Monumento ai Caduti di tutte le guerre in Piazza d'Armi, per la cerimonia dell'Alzabandiera. Sfilando lungo le vie principali della città, i partecipanti hanno reso omaggio ai monumenti ai Caduti per la Libertà, agli Alpini caduti, ai Marinai e ai Bersaglieri, prima di raggiungere piazza Generale Dalla Chiesa, per il ricordo al Generale dei Carabinieri, ai Caduti Italiani e ai Caduti senza croce.

Nella sala del Consiglio Comunale di Palazzo Santa Chiara, con un breve intervento il Sindaco Claudio Castello ha voluto ricordare la data del centenario della conclusione del primo conflitto mondiale e il ruolo delle Forze Armate nel nostro Paese. “Oggi, a cento anni dalla fine della I Guerra Mondiale, rinnoviamo la memoria del nostro passato, in ricordo di tutti coloro, soldati e civili, che perirono a causa del conflitto – ha detto il Sindaco Castello -. Le difficoltà che la storia periodicamente ci propone, vanno affrontate insieme, non separati, con senso di unità, di appartenenza, con la professionalità e il grande cuore che ha sempre caratterizzato noi italiani. Il significato del ricordo della Grande Guerra non è quello della celebrazione di una vittoria o della sopraffazione del nemico, ma è quello di aver difeso la libertà, raggiungendo una unità tanto difficile, quanto fortemente voluta. Proprio il 4 novembre 1918, entrò in vigore l'armistizio che consentì agli italiani di entrare nei territori di Trento e Trieste, portando a compimento il processo di unificazione iniziato in epoca risorgimentale”.

Altrettanto sentita è stata la riflessione sul ruolo delle Forze Armate: “Con la Giornata dedicata alle Forze Armate, onoriamo il sacrificio di tutti i Caduti e di tanti feriti e mutilati, con un senso di gratitudine che proprio questa festa vuole mantenere vivo. Nel passato le Forze Armate rappresentavano l'ultimo strumento cui far ricorso nel momento decisivo del passaggio dalla Pace alla guerra, l'estremo baluardo a difesa della popolazione, del territorio, dei valori della Patria, ma oggi lo scenario è profondamente mutato”. Le Forze Armate hanno oggi il duplice ruolo di garantire la sicurezza dei cittadini, sul territorio nazionale e, insieme ad altre Nazioni, di portare aiuti nelle zone più tormentate del Pianeta attraverso le missioni di Pace: attualmente sono oltre 8.700 i militari impegnati all'estero, mentre sono circa 4 mila quelli impiegati sul territorio nazionale per attività di assistenza ai civili.

“La pace militare, la pace sociale, il benessere dei popoli – ha concluso il Sindaco Castello -, devono essere costruite in un'ottica globale che sappia osservare i mutamenti, le spinte, le necessità delle persone, le sofferenze dei popoli e abbia la forza e l'autorevolezza per intervenire con soluzioni che garantiscano sempre il rispetto della vita umana”.

Il coordinamento della manifestazione è stato curato dal Gruppo Alpini di Chivasso e di Castelrosso, mentre la Società Filarmonica “Città di Chivasso” ha accompagnato il corteo.

Chivasso,  5 novembre 2018

 

 

Servizio Informazione