Regione Piemonte

Specialità enogastronomiche

Ultima modifica 4 ottobre 2017

Chivasso in tavola

La cucina locale annovera tra i piatti tradizionali la busecca (a base di trippa), minestra dal sapore antico che veniva servita il mattino del giorno di mercato nelle locande e nelle trattorie chivassesi (agli inizi del ‘900 erano più di 50); gli agnolotti con il ripieno a base di coniglio; il trionfale e gustoso bollito misto accompagnato dal bagnèt verd, salsa a base di acciughe, prezzemolo e aglio; il tenero e saporito arrosto di sanato; i carnevaleschi faseuj con ël prèivi, letteralmente fagioli con il "prete" (rotolo di cotenna di maiale con aromi e spezie), cotti per una notte intera nel forno a legna utilizzando la tipica pignatta di terracotta.

La lista continua con le molteplici e piemontesissime specialità gastronomiche quali la bagna cauda, la finanziera, e tantissime altre leccornie innaffiate, secondo il caso, dal superbo bianco Erbaluce, orgoglio del vitigni coltivati sulle colline moreniche canavesane, o dai robusti rossi dalle alture monferrine.

Infine l’arte pasticcera chivassese propone un dessert degno dell’indiscussa fama che la contraddistingue: i Noasèt, minutissimi amaretti a base di nocciole Piemonte, albume d’uovo e zucchero, nati per sbaglio nella seconda metà dell’800 nel laboratorio dell’allora Pasticceria Nazzaro e da subito proposti come specialità chivassese.

Difficile tracciare i confini della notorietà ormai centenaria di queste chicche di pasticceria, oggi per lo più conosciute con il nome volgarizzato di "Nocciolini", certo è che passare da Chivasso non acquistarne una confezione è veramente un peccato!

I dolcetti chiamati “Nocciolini” ed altre specialità chivassesi

Dal punto di vista gastronomico, i minuscoli dolcetti chiamati “nocciolini”  sono il simbolo di Chivasso: li si trova in vendita in numerosi negozi della città, e addirittura in loro onore è stata istituita una festa, che si svolge per le vie del centro a metà giugno.

Il cavalier Nazzaro fece conoscere i dolcetti chivassesi all'Esposizione Universale di Parigi del 1900 - e in quell'occasione ricevette anche un attestato di merito - nonché all'Esposizione di Torino del 1911; per essi, nel 1904,  ottenne il brevetto col relativo marchio di fabbrica rilasciato dal Ministero del Commercio del Regno d’Italia. Lo stesso Vittorio Emanuele III di Savoia concesse all'intraprendente produttore chivassese il  titolo di “fornitore della Real Casa”, e analogamente si comportarono i duchi di Genova.

Nel 2010, il marchio dei nocciolini di Chivasso è diventato di proprietà del Comune, ceduto dal Grande Ufficiale Mario Bertolino, genero del cavalier Nazario della 'Confraternita del Sambajon e dij Noase't', che con questo atto intendeva donare alla cittadinanza un simbolo che sin dagli ultimi anni dell'Ottocento è stato per tutti i chivassesi un emblema e che ha contribuito a diffondere non solo nella nostra Regione ma in tutto il Paese il nome di Chivasso". La storia dei dolcetti a forma di goccia, è costellata di numerosi riconoscimenti e tappe significative, ad iniziare dalla loro esposizione a Roma nel 1888 per passare alla più alta onorificenza internazionale all'Esposizione di Parigi nel 1900, agli ori a Bordeaux, Mila

Il primo nome della  specialità fu quello di “noisettes”: voce francese che significa, semplicemente, “nocciole”. Il nome “nocciolini” comparve negli anni Trenta del Novecento: si era infatti nella cosiddetta Era Fascista, e le direttive del regime imponevano di depennare i termini stranieri.

Ancor oggi alcune pasticcerie del centro chivassese  producono artigianalmente i nocciolini, seguendo la  ricetta ottocentesca. I dolcetti vengono venduti in confezioni di vario tipo, ma soprattutto nell’ormai classico sacchetto di carta rosa: a  utilizzare per primo questo involucro, in sostituzione delle scatole metalliche usate precedentemente,  fu il pasticcere Luigi Bonfante che - circa vent’anni fa - ebbe il merito di commercializzare i nocciolini a livello nazionale. Sempre i Bonfante hanno da poco diffuso una versione “gigantesca” del prodotto: i “noccioloni”.

L’antica specialità chivassese viene realizzata con soli tre ingredienti: “Nocciole Piemonte naturalmente sgusciate e tostate al punto giusto, zucchero e albume d’uovo; il tutto opportunamente raffinato e impastato da speciali macchine. L’impasto viene poi portato a  densità colante e immesso entro apposita macchina colatrice che provvede a stillare, in appositi fogli di carta paglia speciale, tante piccole goccioline, che devono essere lasciate asciugare per circa quindici o venti minuti e poi passate in forno per la debita cottura. I piccoli gustosi dolci vengono successivamente racchiusi negli appositi sacchetti a tutti ben noti [...]. Va fatto rilevare che i nocciolini sono igroscopici e pertanto soggetti a deterioramento, quindi vanno conservati sempre chiusi nei loro contenitori”.

Un abbinamento che esalta il gusto dei dolcetti chivassesi è quello con la crema tipicamente subalpina detta zabaione: non per nulla, nel 1982 è nata - nella cittadina canavesana - la Confratèrnita dël Sambajon e djj Nocciolini, associazione che si prefigge lo scopo di valorizzare la secolare tradizione gastronomica del luogo.

Dal 16 giugno 2013, grazie all'iniziativa della Confraternita del Sambajon e Dij Noaset, è stata posizionata sul famoso "muretto di Alassio", una piastrella celebrativa dei “Nocciolini di Chivasso”.

Pasticcerie

Bonfante & Ortalda Snc
Via Torino, 29 - tel. 011.9102157
Produttore Nocciolini
Chiuso il lunedì

Tallia Snc
C.so G. Ferraris, 60 - tel. 011.9106442
Produttore Nocciolini
Chiuso il lunedì

Piccoli s.r.l.
Via Torino, 57 - tel. 011.9102163
Produttore Nocciolini
Chiuso il lunedì

D'Onghia Domenico
Via Italia, 13/A - tel. 011.9113747
Chiuso il lunedì

Dolci Capricci di Adorni Fabrizio & C.
Via Torino, 71/F - tel. 011.9172512

Gemmo
Via Roma, 7 - tel. 011.9102196/9101304
Chiuso il martedì

Fantasie golose Paolo Cappelliere & C.
Via dell'Asilo, 13/D - tel. 011.9102804

Roby e Tania di Roberto Capannolo & C.
Via Po, 18/bis - tel. 011.9101118
Chiuso il giovedì

Fantasie del gelato di Zancato e Tamburin
Via Torino, 11 - Tel. 0119102133

Fontana dolciaria
Produzione e vendita Nocciolini
Via Ivrea, 31 - Tel. 0119102661

Il Dolce Canavese
Produzione e vendita Nocciolini
Via San Marco, 24 - Tel. 011/9131032

Noi due Snc di Nappa Enrico e Faniello Monica
C.so G. Ferraris 4/D tel. 011/9172648
Chiuso il martedì

Le Deliziose s.n.c.
V.le Cavour, 1/C tel. 3471560075
Chiuso martedì

Le Tentazioni di Marangoni Marcella
Via Torino, 39 (Quintana del cedro) tel. 3405302733
Chiuso il lunedì