Regione Piemonte

Presentata la prima Ecosagra ai Torassi

Published on 16 May 2019 • 2019 , Comune

Siglato il Patto di Collaborazione fra CPF Torassese, Comune e Seta Spa
Ecosagra di Primavera … l'invito che non ammette rifiuti
Il progetto prevede una drastica riduzione dei materiali monouso in plastica

E' stato presentato nel tardo pomeriggio di martedì 14 maggio, nella Sala del Consiglio di Palazzo Santa Chiara, l'innovativo progetto di “ecosagra” proposto dal CPF Torassese (Comitato Promotore Festeggiamenti) all'Amministrazione comunale.

L'idea parte dal principio che la sostenibilità ambientale sia un bene comune di cui avere cura: ecco spiegato il Patto di Collaborazione sottoscritto da CPF Torassese, Comune di Chivasso e Seta Spa per realizzare una “ecosagra” con meno produzione di rifiuti in plastica, dove i tradizionali prodotti “usa e getta” verranno sostituiti con stoviglie tutte compostabili, e con una maggiore attenzione nel differenziare i rifiuti. Si tratta, dunque, di adottare buone pratiche in un contesto conviviale, per condividere la responsabilità verso l'ambiente e le generazioni future. Insieme ai sottoscrittori del Patto di Collaborazione, sostengono il progetto: Coop, Green Gate Bio Packaging e Gruppo Smat.

La tradizionale Sagra di Primavera di frazione Torassi, si presenta così con l'accattivante slogan: “Ecosagra di Primavera, l'invito che non ammette rifiuti”. L'appuntamento sarà dal prossimo giovedì 30 maggio a domenica 2 giugno, con una manifestazione che strizza l'occhio a quella che sarà un'autentica rivoluzione nel modo di organizzare la parte dedicata alla ristorazione.

“Per Chivasso si tratta di una novità assoluta – ha detto il Sindaco Claudio Castello – e sono veramente orgoglioso di poter presentare questo progetto che mette in evidenza la grande sensibilità del CPF Torassese verso l'ambiente”.

“Amare l'ambiente è un obbligo morale di ogni cittadino e l'Amministrazione comunale ha a disposizione due leve per interagire con la comunità – ha aggiunto l'Assessore all'Ambiente, Pasquale Centin -: l'educazione ambientale rivolta a bambini e ragazzi in età scolare, oppure le attività di ispezione e repressione. Ci è quindi sembrato doveroso accogliere il progetto del CPF che dimostra la lungimiranza di considerare la sostenibilità ambientale come un bene comune”.

“Credo che l'importanza di questo progetto stia proprio nel fatto che è nato dai cittadini – ha detto la vice sindaca Tiziana Siragusa -: è nato da una proposta dei chivassesi e non è stato qualcosa calato dall'alto”.

“Siamo abituati a parlare di raccolta differenziata riferendoci all'ambiente domestico – ha sottolineato l'Amministratore Delegato di Seta Spa, Marco Rossi -, mentre la sensibilità presentata in questa occasione sta proprio nell'idea di portare i principi della raccolta differenziata in un luogo di svago, dove la ristorazione ha dei tempi molto ristretti”.

L'augurio che è stato condiviso da tutti gli attori del progetto, è che l'esperienza del CPF Torassese possa essere presto presa ad esempio da altri comitati organizzatori di eventi e manifestazioni.

“Tenendo presenti le indicazioni della Circolare Gabrielli in materia di sicurezza – ha spiegato il presidente del Comitato, Ilaria Momo -, lo scorso anno, primi su tutto il territorio, abbiamo bandito vetro e lattine nella somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, ritenendo elemento imprescindibile la massima sicurezza di utenti ed operatori. Nel 2019, invece, abbiamo spostato la nostra attenzione sulla sostenibilità ambientale, con l'intenzione di promuovere la diffusione di buone pratiche per la riduzione e la gestione dei rifiuti, per incoraggiare comportamenti virtuosi e sostenibili. Differenziare meglio e produrre meno sono le parole d'ordine che devono diventare regole di vita civile: per diffondere questo messaggio, i momenti di festa sono occasioni privilegiate perché coinvolgono un gran numero di cittadini, sia nell'organizzazione, sia nella partecipazione”.

“Il progetto di Ecosagra di Primavera ha raccolto e rilanciato la sfida alla riduzione del rifiuto indifferenziato promossa in via sperimentale sul territorio della frazione dall'Amministrazione Comunale, attraverso la riduzione dei passaggi di raccolta dell'indifferenziata, da settimanali a quindicinali – ha specificato ancora il consigliere del CPF, Andrea Torasso -. Il valore aggiunto del nostro progetto è quello di coinvolgere senza pedanteria i cittadini, in un contesto rilassato e conviviale, per dimostrare con fatti concreti come ridurre la produzione di rifiuti e minimizzare la frazione indifferenziata sia possibile con pochi accorgimenti, anche in momenti di festa che coinvolgono diverse centinaia di persone. Il progetto segna l'inizio di un percorso virtuoso da portare avanti anche nelle prossime edizioni della sagra”.

Il progetto prevede sei azioni principali: il cuore del Patto di Collaborazione consiste nell'impegno all'uso, durante i giorni di festa, di posate e stoviglie riutilizzabili o, se monouso, prodotte con materiali biodegradabili e compostabili; identificare un responsabile della raccolta tra gli organizzatori; organizzare la raccolta differenziata in modo più chiaro; istruire adeguatamente chi ha un ruolo attivo nella festa; informare e coinvolgere i partecipanti con materiale informativo e gadgets per spiegare le scelte fatte; limitare i rifiuti già nella scelta delle confezioni; infine, raccogliere i dati relativi ai rifiuti prodotti durante la Sagra e darne comunicazione.

Alla presentazione di martedì pomeriggio hanno partecipato anche il Presidente dell'associazione Samco, il sindaco emerito dottor Libero Ciuffreda, ed una vasta rappresentanza di volontari, per parlare della speciale serata che aprirà l'Ecosagra di Primavera: giovedì 30 maggio, “30 anni di Samco ricordando Piero Fecchino”, è previsto un Apericena per festeggiare i trent'anni di attività della Samco, impegnata nell'assistenza ai malati oncologici, per conoscere volontari ed operatori, ricordare Piero che è stato per lungo tempo presidente del CPF Torassese, fino alla sua scomparsa, avvenuta alcuni anni fa, e per ascoltare musica con il Luciano “Lucio” Milano & Organ Trio.

Pubblicato il 16 maggio 2019
Servizio Informazione