Regione Piemonte

Riqualificazione Urbana ec campo Enel di V.le Cavour - Risposta ai quesiti presentati

Published on 20 April 2018 • Comune

Bando di Concorso di idee ex art. 156 del D.Lgs. 50/2016

“Riqualificazione Urbana ec campo Enel di V.le Cavour”

Bando e Allegati

Risposta ai quesiti presentati

Quesito n.1

In riferimento al bando di concorso di "Riqualificazione Urbana ec campo Enel di V.le Cavour” vorremo sapere se durante la fase di partecipazione al concorso dobbiamo già inserire i nominativi delle varie collaborazioni per esempio un geologo, nel caso uno vincesse il bando e dovesse eseguire il progetto definitivo-esecutivo o si possono identificare i vari collaboratori solo nel caso uno vincesse il progetto?

Inoltre si può mettere come collaboratore un architetto iscritto all'ordine o devono essere altri professionisti che non sia né architetto né ingegnere?

Risposta

Da quanto indicato nel bando stesso e da quando emerge dalle Linee Guida n.1 di attuazione al D.Lgs n.50 del 18 aprile 2016, con le quali l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha definito gli indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti l’architettura e l’ingegneria, ed in particolare per quanto riguarda la relazione geologica così come previsto dall’art. 31 comma 8 del Codice, non è consentito il subappalto.

Quindi occorre indicare il nominativo di quest’ultimo all’atto della presentazione degli elaborati per la partecipazione al concorso.

Per quanto concerne eventuali altre collaborazioni si rimanda a quanto precisato al punto n.4 del bando “Soggetti ammessi al concorso” in cui si definisce che “I partecipanti al concorso potranno avvalersi di consulenti e collaboratori, anche se non iscritti agli Ordini o Registri professionali. Di ogni singolo consulente o collaboratore dovrà essere dichiarata la qualifica e la natura della consulenza o della collaborazione”.

Quesito n.2

Volevo chiedere rispetto al numero di stalli previsto dal bando se il numero è indicativo di un’esigenza reale se vi è uno studio di previsione, o se eventualmente si possa ipotizzare un numero inferiore di stalli.

Risposta

Il numero minimo richiesto di stalli è indicato nel bando nella “Introduzione” (lettera c. “Previsione di almeno 80/90 stalli, da realizzarsi a ridosso del viale Vigili del Fuoco”). Esso è stato definito a seguito di coinvolgimento della cittadinanza e delle forze politiche per acquisire suggerimenti ed osservazioni in merito al progetto di riqualificazione in discorso.